Another year’s over

2 gennaio 2011

Il duemiladieci è terminato, e gliene sono molto grato. Possiamo dircelo: l’anno scorso ha fatto proprio schifo. Ho avuto delusioni forti, inaspettate e reiterate. Ho viaggiato, ma meno di quanto avrei voluto; ho visto dei bei concerti, ma meno di quanto mi aspettavo. Non ho scoperto molti nuovi amici (qualcuno sí) ma ho sicuramente perso di vista alcuni dei vecchi (forse non erano grandi amicizie, dopotutto). Anche i neuroni del lobo temporale han rotto le palle, e ripetutamente.
Ho avuto più momenti di serio sconforto in questo che negli ultimi cinque anni sommati. Insomma: ho l’impressione di non aver guadagnato molto da questo anno che numericamente sembrava invece così promettente, e tra un colpo e l’altro ho perso per strada una grande fetta di entusiasmo. E non sono neppure riuscito a metter su qualcuno dei kg di cui sono evidentemente carente!
Dunque, cosa resta? Molte cose, in realtà. E sarebbe davvero, davvero una sconfitta se di fronte a tutto questo non riuscissi più a vedere le fortune in cui sono inciampato molte volte anche quest’anno, dai pochi ma importanti incontri, alla manciata di abbracci ai cieli grondanti di stelle. Alle amicizie che ho cresciuto, ai libri illuminanti. All’inizio epocale della mia attività lavorativa (–> conseguenti primi introiti –> conseguente indipendenza economica –> conseguente emancipazione genitoriale). Riesco ancora a mettere su un vecchio cd e avere 65 minuti di pure pleasure. Agli altri tipi di piacere, abbondanti e tempestosi.
Con tutto ciò, questa volta non sono davvero capace di trarre un bilancio globale. Mi concentro allora, e non senza un nodo in gola, sul futuro che è iniziato ieri, e penna in mano stilo la lista dei propositi per il nuovo anno, e che sia buono davvero.

BUONI PROPOSITI:
1) Entrare in specialità
2) Entrare in specialità
3) Entrare in specialità
4) Entrare in specialità
5) Entrare in specialità
6) Imparare a cucinare qualcosa che vada oltre la pastasciutta con sugo preconfezionato e la carne surgelata
7) Imparare a fare il bucato, e farlo
8) Dare un significato al mio essere iscritto alla mailing list di Ryanair, Expedia, Couchsurfing, Tripadvisor…
9) Riuscire a disiscrivermi dalla mailing list dell’università
10) Coltivare l’entusiasmo come un alberello, dandogli poca acqua, tenendolo al riparo nei mesi freddi, senza esporlo alla vista di chi è così stupido da non saperlo apprezzare. Ah, e entrare in specialità.

Annunci

5 Risposte to “Another year’s over”

  1. fedeg said

    Credo che il punto 8 sia francamente e palesemente incompatibile con i punti 1, 2, 3, 4 e 5 ed in parte con il punto 10.

    Ah, viva la pastasciutta.

  2. fabsound said

    Ecco, vedi, sono già destinato al fallimento!

    Però mi sto dando da fare sul punto 6 🙂

  3. […] ben si sa che i “propositi per il nuovo anno”, di cui ho poco fa steso una bella lista, sono destinati a durare tanto quanto l’entusiasmo per un giocattolo nuovo, ma all’alba […]

  4. prill said

    “Non ho scoperto molti nuovi amici”….E IO???? 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: