In attesa

31 ottobre 2010

C’è qualcosa di meraviglioso nell’attesa.

Ok, ok: questa cosa e già stata detta talmente tante volte talmente bene da talmente illuminati autori che anche solo voler toccare l’argomento da qualcuno come me è segno di scarsa fantasia, se non addirittura di ignoranza.

Ma come posso non dire niente, Leggi il seguito di questo post »

Pazzienza

31 ottobre 2010

A volte, è tutto quello che ci vuole.

Ho l’età (non?)

29 ottobre 2010

Solitamente mi lamento (ma in quel modo in cui si capisce che in realtà gongolo) del fatto che negli ambulatori di MMG vengo continuamente additato per la mia giovanissimissima età, e che sembra incredibile che esista un medico così giovane, e che sicuramente se sono giovanissimissimo e già abilitato devo essere una qualche forma di genio. Bhe, forse le cose stanno per cambiare.

Leggi il seguito di questo post »

Contorsionisti

28 ottobre 2010

A quanto pare, non ho inventato niente con questa idea di appuntarmi le migliori uscite di pazienti e colleghi: proprio qualche giorno fa, infatti, mentre vagavo per l’ambulatorio alla ricerca degli abbassalingua con cui mi diverto a provocare conati di vomito ai pazienti più antipatici, ho trovato questo foglietto scritto dal medico che sto sostituendo, giustamente immortalato per la memoria dei posteri:

 

 

(“Mi hanno detto: <<Vorrei fare un’ecografia perchè ho il seno un po’ contorto e una mastoide alla mammella sinistra>>”)

Spazio aperto alle interpretazioni.

Mai biascicare le parole

21 ottobre 2010

Mercoledì mattina, piuttosto assonnato, eseguo l’ennesima richiesta di prescrizioni. Una donna mi chiede un tale farmaco per il marito, ma quando termino di scrivere sul foglietto rosso ho già dimenticato il nome di lui.

io: Leggi il seguito di questo post »

Un anno fa

20 ottobre 2010

[Maledetto Mapo, anche stavolta mi hai battuto di un giorno! Ma sostanzialmente posso concordare su tutto quello che hai scritto…]

Oggi di un anno fa mi laureavo (non in lettere italiane, come si può intuire…). Stranamente all’epoca non ho dato risalto all’evento sul blog, un po’ perchè

Leggi il seguito di questo post »

Essere distratti

19 ottobre 2010


Reparto di Oculistica: “Pronto, salve, dovrei prenotare una visita perchè mi è caduta la retìna” (ndf: distacco di rètina, con l’accento sulla “e”)

Caposala bastardissima: “Ah sì, e dove le è caduta?”

 

(riferita da Nausica)

Dopo l’uscita pop un po’ datata dell’ultima volta, torno nelle mie più consuete terre della musica… uff… eh, mi tocca dirlo: indie.

Gli “I am kloot” sono un gruppo britannico attivi da una decina d’anni, che dopo vari album e diatribe con le solite case discografiche cattive cattive pare siano riusciti a fare il famoso grande passo con l’ultimo disco, “Sky at night”, uscito questa estate con la produzione del cantante degli Elbow di cui ovviamente non ricordo il nome (insomma, non sono mica Wikipedia. Per i dettagli noiosi si può sempre andare lì, lo dicevo anche qualche giorno fa.), sollevando l’interesse di criticaepubblico, come si suol dire.

E mi verrebbe voglia di fermarmi qui: Leggi il seguito di questo post »

Il mondo delle cover è sempre un mondo scivoloso: se sei troppo fedele all’originale ti accuseranno di scarsa personalità, se sei troppo fantasioso i fedelissimi urleranno allo scandalo, e in ogni caso la produzione musicale contemporanea è talmente sovrasatura che solo in pochissime occasioni i brani reinterpretati da altri cantanti hanno superato il qualità e fama i corrispettivi originali. Poche occasioni, ma quasi sempre notevoli.

Una di queste è senz’altro la “Nothing compares 2 U” di Sinead O’ Connor, originariamente una composizione minore di Prince scritta per una band di cui nessuno ricorda nulla (e di cui io non ricordo il nome. Ok, Wikipedia suggerisce “The Family”. Grazie Wiki Wiki.), e Prince stesso ha iniziato ad eseguirla dal vivo solo dopo il successo della versione di Sinead – insomma, ha fatto una cover della sua stessa cover!

Leggi il seguito di questo post »

Sexy varici

16 ottobre 2010

Sig.ra, sulla settantina: “Dottore, sa che avevo le gambe gonfie, con le vene varicose?”

io: “Sì, mi dica…”

sig.ra “Ecco, son venuta a farle vedere il risultato del topless…”

(Doppler, ndf)

(AAAAAAAAAAH! No, signora, NO, il suo topless non lo voglio vedere!)

Al medico non far sapere

15 ottobre 2010

Su segnalazione di un’amica ho scoperto questo fantastico blog, dove alcuni farmacisti dotati di senso dell’umorismo tengono appuntati i migliori strafalcioni di clienti e colleghi che bazzicano in farmacia, notoriamente non difficili visto i nomi astrusi e talvolta al limite dell’impronunciabile di molti farmaci e non solo (ne cito solo una che mi ha fatto sbellicare, intitolata “Scomodiamo l’ONU?”: sig.ra “Salve, vorrei qualcosa per rinforzare le difese umanitarie…”).

Ora, visto che il repertorio non manca di certo (ne avevo già parlato anche qua), ho pensato di dare anche sul mio blog il giusto spazio a queste scene di ordinaria ilarità in cui mi imbatto ogni giorno. Qua le prime… Leggi il seguito di questo post »

Don’t tell

14 ottobre 2010

Non è una cosa a cui si pensa molto, durante gli anni di università. O almeno non io: quando mi proiettavo nel futuro lavorativo mi figuravo le difficoltà nel ricordare i farmaci e le procedure per i diversi tipi di patologie (vere), le difficoltà nella gestione dei rapporti umani con i pazienti (vere), le difficoltà a sostenere orari di lavoro anche pesanti e incuranti di domeniche e festività (vere). Ma sinceramente non avevo mai pensato che questa piccola clausola inserita nel codice deontologico della mia come di mille altre categorie avrebbe potuto crearmi difficoltà: il segreto professionale.

Il primo motivo è che, Leggi il seguito di questo post »

Non drogatevi

14 ottobre 2010

Lo so, sono autoreferenziale. Ma sta cosa continua a dare soddisfazioni.

Leggi il seguito di questo post »

Zio a distanza

10 ottobre 2010

Ho un annuncio da fare: divento zio. E, sì: proprio da parte di mia sorella, che non ha ancora compiuto 17 anni. E lungi dall’essere scossi, arrabbiati o di cattivo umore, siamo tutti sereni e anche piuttosto orgogliosi di poter dare questa notizia.

No, non siamo diventati una famiglia di pazzi (hem… vabbè…): Leggi il seguito di questo post »

Righe con la u

9 ottobre 2010

Mi piace suonare anacronistico, un po’ per fare lo snob, e un po’ perchè ho l’impressione che solo chi riesce ad estraniarsi dal suo tempo possa avere una visione lucida delle cose del mondo. Ecco, l’avevo detto che s(u)ono snob.

Per cui vado orgoglioso di quello che sto per dire, sebbene son sicuro di non incontrare il favore die più: a me, le rughe, piacciono. Mi piace come sottolineano e amplificano i lineamenti delle persone, mi piace come tirino le somme di tanti anni di sorrisi o di preoccupazioni. Mi piace che non si possano nascondere dai vestiti, mi piace come si muovono mentre la persona parla,  ride, e soprattutto mi piace che non si possano avere rughe “a comando”: arrivano un po’ per volta, man mano che la vita tira linee in faccia, e non puoi fare nulla nè per averle nè per cancellarle (Hem… ok quest’ultima parte non è per nulla vera, ma fingerò di non notare la falsità di quello che ho scritto).

Ho 26 anni e Leggi il seguito di questo post »