Ryan Adams – “Cardinology”

21 maggio 2010

     Immagino un cantante, in Italia, che voglia sfondare e che si chiami Ucio Battisti. Oppure Antonello Enditti, o Ino Paoli. Non dev’essere facile, far capire al pubblico che non si tratta di un errore di scrittura, ma è proprio il tuo nome che richiama quello di un altro cantante più noto. Per cui mi immagino che all’inizio Ryan Adams abbia avuto il suo da farsi per far capire che non si trattava del suo più celebre collega con la "B" davanti, ma di un altro cantante, con stile e direzioni proprie. Fortunatamente il pubblico dei due musicisti non è molto sovrapponibile, e ben presto chi parlava di Ryan non sapeva chi forse Bryan e viceversa, anche se mi diverto a pensare qualcuno che alla fine di un concerto di Ryan Adams urlasse a gran voce un bis di "Summer of 69" o "Everything I do"…

    

 

     Ryan Adams è un musicista newyorkese soft-rock particolarmente prolifico, con un estremo gusto per le canzoni guitar-based che spazia dal folk al rock e al blues, senza disegnare le ballate intime e  scarne. Disco dopo disco si è costruito una solida fetta di ammiratori e di critica sia in patria che nel resto del mondo, anche se la sua sterminata produzione musicale non ne facilità forse l’approccio ( è arrivato a pubblicare anche tre dischi in un solo anno!). 

   

   

Così anche nell’ultimo "Cardinology"(che non è "cardiology"!) Ryan suona con la band dei "The Cardinals" una raccolta di canzoni folk e ballads semplici e perfette. Senza mai eccedere negli arrangiamenti, affidati ai classici chitarra-basso-batteria, e con un cantato all’apparenza liscio e umile, quello che viene posto in evidenza sono solo le canzoni. Rispetto ad altri suoi lavori qua predominano le ballate e mancano forse dei pezzi più tirati, arrivando al massimo a delle schitarrate un po’ piacione in "Magick", ma ascoltando pezzi come "Fix It", "Go Easy", "Cobwebs" o la conclusiva "Stop" non se ne sente troppo la mancanza. Ravissimo!

  

  

Annunci

2 Risposte to “Ryan Adams – “Cardinology””

  1. chelsea said

    Mi piace Ryan Adams .. ma chi Brian? No Ryan senza la B .. e chi è .. no io conosco Brian .. no devi ascoltare Ryan è diverso ..:)DesireLa Cienga Come Pick me upla sua cover di Wonderwall(questo è il suo nuovo lavoro? Me lo consigli?)

  2. Fab said

    Uh certo che te lo consiglio! la sua cover di Wonderwall è fantastica, ormai l’originale sembra nulla al confronto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: