Dutùr! #4

15 gennaio 2010

     Dopo aver conosciuto i Diffidenti, i Ci-Conoscenti, gli Irriconoscenti, i Riconoscenti e i Naturisti, alla seconda settimana dal mdb vengo a contatto con una nuova forma di vita: i Rappresentanti Farmaceutici. Questi bipedi dalle sembianze innocue possono essere distinti dagli esseri umani per alcune caratteristiche: innanzitutto l’Insopportabilità, peculiarità che si manifesta fin dal loro ingresso in ambulatorio, quando con un sorriso a 36 denti si presentano mettendo al posto del loro nome quello della loro casa farmaceutica, e si conferma quando iniziano a parlare. Qualsiasi cosa dicano, infatti, lo fanno in maniera immancabilmente e inesplicabilmente irritante: dalle domande di rito su come vanno le cose,  passando ai soliti commenti drammatici o elettrizzati sul tempo atmosferico, fino agli auguri di buon anno all’alba del 15 gennaio. Solitamente dopo questo incipit che vorrebbe essere cordiale e portare un clima di amicizia (mentre è ridicolo e porta un clima di insofferenza) iniziano a parlare dei loro farmaci, che ovviamente sono i migliori in commercio e sono stati prodotti dalla loro azienda, che è la migliore, e ultimamente anche i migliori pazienti stanno scegliendo il loro farmaco, che è il migliore, invece del generico, che è il peggiore.
     Del resto, niente di strano: il loro lavoro è proprio quello di presentare qualsiasi cosa come se fosse la scoperta più entusiasmante dell’ultimo quintillennio, ma la cosa raggiunge conseguenze esilaranti quando descrivono i sintomi dell’ipertrofia prostatica che il loro farmaco vuole guarire, e lo fanno come se anche questi sintomi fossero una scoperta eccezionale della loro incredibile casa farmaceutica (che è la migliore): “I pazienti lamentano minzione im-pe-riosa! E URGENZA MINZIONALE! E GOCCIOLAMENTO! TERMINALE!!!” . Mentre dicono così non sanno che rischiano un cedro terminale. SUL NASO!!!!
     All’inizio mi domandavo perché una specie così irritante non si sia ancora estinta, ma la risposta è molto semplice, ed è scritta con le penne che i Rappresentanti donano in ampia quantità ai medici alla fine del loro incontro: i Gadget. Nessun medico che si rispetti può vivere senza i fazzoletti di carta del Losartan, gli abbassalingua del Norvasc, l’amuchina tarocca della Novartis, ecc, e del resto pure io posso vantare di aver già guadagnato un bel paio di penne e un prontuario che andrà ad appesantire le già zeppe tasche del mio camice.
     Nonostante tutto, comunque, posso dire di trovarmi abbastanza a mio agio con il dott. B e la dott.ssa M. Certo, con lei mi sento più libero di giocare a fare il vero dottore, interpellando i pazienti anche senza il suo intercedere, consigliando talvolta diagnosi e terapie. (Vabbè, proprio qualche volta eh!). Lei infatti è molto pacata e bendisposta, e grazie a tali caratteristiche pare essere benvoluta dai pazienti e dai colleghi, sebbene talvolta le sue inclinazioni cattoliche mi lascino un po’ perplesso.
L’altro giorno, un paziente ghanese si presenta: “Piacere,  M. Benedictus”
Dott.ssa M: “Ah, come il nostro Papa!”
Bened: “Eh sì, proprio come lui… l’unica differenza è che lui è un po’ più ricco di me! Ahah!”
Dott.ssa M: “Dice?” E poi, voltandosi verso di me con sguardo pensieroso: “Mah… io non credo…”
Ovviamente io le ho dato ragione.
     Stamattina, invece, è stata ancora più ecumenica: a metà mattinata viene chiamata dalla segretaria, e dopo qualche minuto rientra in studio, scusandosi con me e la paziente presente spiegando che era stata chiamata per la denuncia di una donna che aveva subìto delle violenze dal marito. Ovviamente ci facciamo tutti molto seri, e condanniamo l’accaduto…
dott.ssa M: “Mamma mia… certo che un volta, almeno, c’era la religione che teneva un po’ a bada… non succedevano queste cose”
Paziente: “Vero, una volta non si sentivano mica queste cose!”
Dott.ssa M: “E l’umanità dove va a finire? Se ne va!” poi, voltandosi verso di me, con fervore: "SALVIAMOLA!”
Ovviamente, anche stavolta le ho dato ragione.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: