Dutùr!

7 gennaio 2010

     Di tirocini ne ho fatti veramente tanti, ma quello dal medico di base è sicuramente un’esperienza a sé stante.
 
     La mattina mi alzo presto, e per arrivare all’ambulatorio del piccolo paese a cui sono stato assegnato faccio qualche chilometro in mezzo ai vigneti. Una volta arrivato, c’è un piccolo ambiente fatto di due sole stanze: quella delle visite e la sala d’attesa. Non c’è via di scampo, insomma. Fin dall’inizio, tutto è diverso: tanto per iniziare, non essendo in ospedale, non ho attorno la solita folla di medici e pazienti, e il rapporto che si crea col paziente (ma anche col medico) diventa automaticamente più intimo, ma anche meno protetto e dunque più imprevedibile.
     Appena entrati, i pazienti mi guardano come se fossi un alieno. O una pianta grassa cresciuta improvvisamente sul loro balcone durante la notte. Sicuramente come qualcosa di inaspettato, di dubbia utilità e senz’altro non richiesto. Insomma: sanno come mettermi a mio agio. Fortunatamente il mio dottore è molto gentile e mi presenta sempre ai suoi pazienti (aggiungendo, alla fine della presentazione, “E’ un medico”, giusto per non lasciare dubbi sul significato del dott.” prima del mio cognome), allora essi mi squadrano di nuovo, categorizzandomi questa volta nella classe “Non Richiesto, Ma Forse Non Del Tutto Inutile”.
     Dopodiché, inizia la visita, e le evoluzioni a questo punto sono imprevedibili (e son solo al secondo giorno!). Ovviamente la categoria più nutrita è quella dei Diffidenti. Del resto, neanche io mi sentirei molto al sicuro tra le braccia di un medico che può vantare un’esperienza clinica di sì e no tre mesi, ma credo che, come fanno la maggior parte dei Diffidenti, terrei per me le mie perplessità rivolgendomi al dutùr di fiducia, che ovviamente non mi lascia (quasi) mai da solo. Ciò nonostante, ci sono alcuni Diffidenti che sentono il bisogno di esplicitare maggiormente la loro Diffidenza, e quando mi avvicino ai loro toraci denudati col mio aggressivo fonendoscopio verde elettrico sbottano in un “Ma mi devo fidare di questo qua? Non avrà neanche la mia età!”, ma io mi trattengo dal far loro notare che se vogliono farsi visitare da Rita Levi Montalcini la lista d’attesa è uguale a x –> ∞ , e che lei sicuramente non è più giovane di nessuno di questo ambulatorio.
     Un’altra categoria è quella dei Ci-Conoscenti: ossia quelli che sostengono di conoscerti, e solitamente sono i ragazzi o comunque i pazienti più giovani ed estroversi. Questi mi fanno morire: “Ciao, noi ci conosciamo già!”. E io: “Hem… no…”. E lui, con gioia e decisione: “Ma sì: MEDIAWORLD!”.  Alché io, fingendo di carpire il significato di questa parola d’ordine che in anni e anni di intima amicizia con tale simpatico sconosciuto abbiamo forgiato, ricambio con un vigoroso “Aaaah ma ceeeerto! Come va?” che è comunque sempre un buon modo per iniziare una visita medica, ed evito così imbarazzanti domande su conoscenti comuni che non conosco e parenti che non si apparentano.
     Ci sono poi gli Irriconoscenti: quelli cioè che mai e poi mai crederanno al fatto che io sia un medico, e si rivolgono a te per chiederti appuntamenti, orari, numeri di telefono, e immancabilmente ti chiedono se c’è un dutùr (“Signora, pure io sono un dottore, ma soprassediamo…”). Una delle migliori, l’altro giorno:
signora dai capelli rossi: “Buongiorno, vorrei prendere un appuntamento con il dottor B.”
io: “Mi dispiace, ma per quello deve parlare con la segretaria”
rossa: “E lei? Non può mica darmelo lei l’appuntamento?”
io: “No, io non sono il segretario.”
Rossa: “Come no, io son venuta apposta per prendere l’appuntamento!”
Io: “Mi spiace, ma io sono un tirocinante, per prendere gli appuntamenti deve parlare con la segretaria”
rossa: “Ma la segretaria che c’era prima di lei me lo dava, l’appuntamento!”
io: “…”
rossa: “…”
io: “Per quando le serve l’appuntamento, signora?”
 
 
(continua… spero…)
Annunci

4 Risposte to “Dutùr!”

  1. valentina said

    uau fabri mi fai venire ancora più voglia di diventare al più presto "dutùr"!!! il che avverrà "di diritto" evidentemente quando sarò abbastanza vecchia da ispirare fiducia!!! XD mi raccomando continua così eh, e raccogli ancora testimonianze!!! 😉 baci,vale

  2. Fab said

    Hehe… sì non preoccuparti, questo tirocinio mi ispira la scrittura! ma è merito della gente che ci gira… fantastica! sto seriamente pensando di fare il mdb! (cioè, non seriamente "seriamente"…)!Cmq l’espediente della barba non ha funzionato: oggi una signora, quando il mio medico mi ha presentato, se ne esce con un: "Ma sembra giovane!!" e io: "Ma sono giovane!" … ma nessuno ha riso… 😐

  3. jessika said

    collasso dal ridere … che lo dai pure a me l’appuntamento con dottor B.???

  4. Fab said

    Je, per piacere… l’unico dottore con cui ti darei un appuntamento è il dott. Stranamore ;-)(che non ho capito se è o meno una cosa carina da dire, ma comunque…):-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: