Tampere!

26 giugno 2008

     Ebbene, mi è arrivata la conferma di dove passerò l’estate in Finlandia: Tampere is the place!
Riassumendo, per tutto agosto farò questa clerkship di un mese in Finlandia appunto, dove di giorno frequenterò la neurochirurgia dell’ospedale di Tampere, e la notte… bha probabilmente la notte dormirò Open-mouthed. Vivrò in appartamento con altri studenti che pure sono lì per fare una clerkship, i quali avranno così la doppia fortuna di poter tastare le mie superbe capacità culinarie nonchè le mie abilità nel fare le pulizie domestiche. Hot
     A poco più di un mese dalla partenza non sto più nella pelle; girando il web ho trovato qualche blog di ragazzi che sono lì in erasmus, (tipo qui c’è una descrizione dell’arrivo a tampere!)… mmm ci sono pure dei riferimenti al gelo invernale, e al fatto che a fine agosto giravano con i GUANTI… aiutooo cosa mi devo portare?!?Confused
     Comuque, pare proprio che i cugini del nord siano drasticamente diversi da noi mediterreans:  tanto per cominciare non si capisce come mai il mio treno Brescia-Provaglio cambi orari da un mese con l’altro senza preavviso, mentre in Filandia mi hanno mandato gratuitamente per posta gli orari dei treni di tutto l’anno di tutta la nazione; inoltre ci sono un sacco di ottimi siti per cui mi son già lustrato gli occhi con qualche foto (vedi qui)…
     Ma soprattutto, ho trovato il video che credo abbia vinto il premio come "Video più noioso" al concorso "Metodi alternativi di ipnoinduzione", nonchè la menzione speciale "Miglior testimonianza di una giornata grigia e uggiosa" al "Tristezza avvolgimi nel tuo girgio manto Festival", che in pratica vorrebbe essere una sorta di video-guida di Tampere, partendo dalla stazione… Ma sorvolando sulla qualità senz’altro altissima, c’è una cosa davvero impressionante di questo film: il silenzio! Il video parte dalla stazione, che penso sia uno dei luoghi più casinari di ogni città, poi prosegue per le vie del centro… e c’è sempre una quasi inverosimile mancanza di schiamazzi, strombazzamenti di auto, litigi tra passantu, insomma tutte quelle care cose che mi fanno apprezzare il risveglio infrasettimanale a Brescia City!
 

 

Annunci

Triumph

24 giugno 2008

 
    30
 
    e
 
    Lode!
 
 
AAAAAAAAAAAAAAAAAH! Gioia e tripudio! Capriole a mezz’aria e salti dalle colline! Caldo
Lo so, lo so: non è proprio simpatico vantarsi dei propri risultati, ma… al diavolo, questa volta ci sta!!!A bocca aperta
E’ un risultato che conta moltissimo per mille motivi, alcuni più ovvi, altri magari meno lampanti ma che avrà valore per sempre.
Sono contento fino al midollo, avevo puntato tutto su di questo esame, non avevo messo le mani avanti e non avevo cercato in nessun modo di minimizzarne l’importanza, consapevole che questo aumentava ancora di più il rischio; e ora che tutto è andato per il meglio, anzi meglio di quanto osassi sperare, sono al settimo cielo!
Mi ripaga di tanto lavoro, mi dà una gran carica e voglia di mettermi in gioco sul serio, di puntare al massimo.
 
Mettetevi comodi mentre io raggiungo le stelle A bocca aperta.
 
This house is like Russia
With eyes cold and grey
You got me moving in a circle
I dyed my hair red today
I just want a little passion
To hold me in the dark
I know I’ve got some magic
Buried deep in my heart yeah
 
    But my priest says
    You ain’t saving no souls
    My father says
    You ain’t making any money
    My doctor says
    You just took it to the limit
    And here I stand
    With this sword in my hand
    You can say it one more time
   
What you don’t like
   
Let me hear it one more time then
    Have a seat while I
    Take to the sky
 
My heart is like the ocean
It gets in the way
So close to touching freedom
Then I hear the guards call my nameù
 
    But my priest says
    You ain’t saving no souls
    My father says
    You ain’t making any money
    My doctor says
    You just took it to the limit
    And here I stand
    With this sword in my hand

 
    You can say it one more time
   
What you don’t like
   
Let me hear it one more time then
    Have a seat while I
    Take to the sky
 
(Tori Amos: "Take to the sky")
 

DespFab2

A bocca aperta

dai, per riderci un po’ sopra…

Sotto i migliori auspici

12 giugno 2008

     Fra esattamente dieci giorni ho L’Esame.
Non un esame qualsiasi, ma proprio L’Esame con la E maiuscola, la L maiuscola e pure l’apostrofo maiuscolo, che infatti se fai “maiusc+apostrofo” alla tastiera esce il punto interrogativoAnimoticon
     Indi per cui sarò comprensibilemente un po’ irraggiungibile e tirapacchi nei prossimi giorni, anche perchè l’esame in questione (Neurologia, per chi ancora non l’avesse capito) si avvicina con segni non proprio tranquillizzanti, tipo il libro di Neurochiru ordinato tre mesi fa e consegnatomi solo oggi, ma soprattutto con la malevolenza del Prof. A.P. , Primario di Neurologia, con cui dovrò sostenere l’orale…
     Prima o poi racconterò tutte le mie simpatiche avventure in quel reparto, ma per ora mi limiterò a citare questa beneaugurante conversazione avuta con il suddetto prof ieri mattina. Durante il giro visite, mi si avvicina e mi dice: “Rinaldi, cosa sa dirmi della Corea Gravidica?”
io: “La corea bla bla bla”
lui: “Hmm… lei non ha ancora fatto l’esame, vero Rinaldi?”
io: “No, devo appunto farlo fra dieci giorni”
lui: “Come, così presto? E’ un azzardo, lo sa? Soprattutto lei, che vuol fare questa specialità, deve almeno prendere trenta, e mi sa proprio che non lo prenderà. Comunque sia, lo faccia: si presenti pure all’appello, che le fa proprio bene una bocciatura!”
In lacrime

A Piano

7 giugno 2008

Ora ho capito: non riconoscevo il suono delle mie mani. Quando son tornato da te, ti ho assalito come il pescatore che dopo mesi in barca torna dalla moglie, e una e due e tre non mi bastavano, suonare fin quando le dita fan male. Ieri non tornava niente, non aveva niente. Non lo immaginavo prima, ma ora lo so che sono per sempre incatenato a te: ormai ho scolpito le mie orecchie, la mia voce e la mia memoria su di te, e i tuoi angoli si incastrano solo con me. Non lo sapevo, davvero: scusa se ho pensato di poterti sostituire, se ho pensato di trovare con altri quello che provo con te. We belong together, like the open sea and shore.

piano1

C’è da ridere.
Ieri sera, eravamo in questo locale, "il nuovo frack", dove c’era un bel pianoforte a coda. Ovviamente, senza farmi troppo pregare, dopo una birretta mi son messo a strimpellare qualcosa, approfittando del fatto che il posto era ormai in chiusura ed erano rimasti pochi assonnati clienti. Purtroppo io non mi ricordo mai una cippa a memoria, per cui in 5 minuti ho dato fondo al mio repertorio, che è poi la solita versione strumentale di Cloud On My Tongue e una traballante cover di Let It Be.
Arriva il proprietario: "Dai, suona ancora qualcosa!"
io: "Eh, se avessi qua i miei spartiti continuerei, ma a memoria non mi ricordo più nulla!"
e lui: "Bhè, perchè non vieni a fare una serata? Porti gli spartiti che vuoi, fai una ventina di canzoni, qua c’è microfono ed è già tutto pronto. Anzi, potremmo fare che tipo una volta al mese vieni qua e fai la tua serata."
e io: "Hmmm… Ok!"
A bocca aperta
 
Oddio!! Tremate, tremate, manderò in fallimento il locale!
Bha: farò una data zero in gran segreto, e se non viene proprio una schifezza renderò pubbliche le evenutali altre serate…Caldo
 
Tori Amos, comincia a far le valigie!!Linguaccia

home_0_5

Oh what a world

1 giugno 2008

     Vabbè, non che volessi farmi prete, ma studiando il capitolo delle epilessie (ok, sono un po’ monotematico ultimamente Linguaccia), ho trovato un paragrafo a dir poco raccapricciante:

     "L’ORDINAZIONE SACERDOTALE. – Fino al 1993 il Diritto
Canonico escludeva le persone affette da epilessia dal
sacerdozio. L’attuale legislazione preclude il sacerdozio
solo a coloro che sono affetti da
"qualche forma di pazzia
o da altra infermità psichica"
mentre, a differenza
della normativa precedente, non menziona più
"coloro
che sono o sono stati epilettici"
.
(da: Fazio Loeb, "Neurologia", 2003, pg 1201)
 

     Non ho parole. Fino al NOVANTATRE’, mica il seicento! E questi son quelli che predicano la fratellanza. Andiamo bene.
Ma il commento più bello è stato: "Eh, almeno adesso l’han tolto: pensa che alle donne invece è ancora vietato!"

 
     Chicca finale, sempre dallo stesso capitolo:
"DISTURBI PSICHICI IN CORSO DI EPILESSIA:
È indubbio che la percentuale di soggetti
psichicamente disturbati è significativamente
maggiore fra gli epilettici, globalmente considerati,
rispetto alla popolazione normale."
Sarcastico
hihihi