Le avventure di un giovane vibratore in ospedale – Pt.I

6 febbraio 2008

 
Il dottore si ammalò
E così, eccomi tornato finalmente dal mio ricovero “anomalo per durata” alla Neuro! Sì, proprio in Neurologia, proprio nel reparto in cui vorrei specializzarmi, e proprio qualche giorno prima di iniziare il tirocinio regolare in quel reparto! eh, proprio il colmo, lo confermo! Ma andiamo con ordine…
 
Svenimenti Intelligenti
Come già anticipato su queste pagine elettroniche, da circa una settimana i miei neuroncini mi facevano vivere delle strane e misteriose situazioni, molto harrypotteriane come disce Alisce Cheddisce. Poi, Lunedì e Martedì scorso, proprio mentre seduto a tavola con i miei famigliari mi apprestavo a consumare l’agognato pranzo, dopo essere catapultato nuovamente uno dei miei ormai celebri deja-vu, perdo improvvisamente i sensi e comincio a vibrare/tremare/sbattere i piedi (mi baso sulle descrizioni dei miei impressionatissimi famigliari, of course), poi la testa ruota su sé stessa, vomito sangue e inizio a parlare in lingue a me sconosciute… no dai quest’ultima parte non è vera!! Almeno credo… Perplesso
Comunque sia, dopo il secondo attacco il molto sagace medico del Pronto Soccorso smette di classificarmi come un “episodio lipotimico da stress” e opta per un ricovero in Neurologia!! E qua si inizia a ridereSorriso
 
Afoni e Cafoni
Già dopo le prime visite iniziano gli episodi bizzarri.. “Stavo studiando e…” “Ah, e cosa studia?” “Medicina” “Davvero? E in cosa si vuole specializzare?” “In neurologia..” e lì scatta l’occhiatina sospettosa del genere “Questo qua è un simulatore o fa sul serio?”
Dopodichè le infermiere mi accompagnano in stanza, dove faccio conoscenza con i miei mitici compagni di stanza: alla mia sinistra (ovviamente!), il sosia muto di Bertinotti, che non parla ma mi scruta torvo pensando: “Lo so che stai tramando per fare cadere il governo! Bada a come ti muovi!”. Alla mia destra il marito della sosia delle gemelle Kessler (come quale? Di entrambe!!! La notte è piccola per noii… troppo piccolinaaaa…), che mi accoglie asserendo di aver visto la partita di calcio sul quadro elettrico che c’è sulla parete di fronte a noi.Perplesso
Così mi accingo alla mia prima nottata di ospedale prima di fare una scoperta spiacevole: la figlia del sosia muto di Bertinotti non è per nulla muta, anzi ha una parlantina così spiccata che riesce ad attaccar bottone con chiunque, fra cui ovviamente la gemella Kessler, che conseguentemente assistono i propri cari per tutta la notte discorrendo amabilmente di qualsiasi cosa passasse loro in testa. Wow!!!Sarcastico
 
Chiamate la neurooo!
Sopravvissuto alla prima nottata ospedaliera, comincio ad ambientarmi nel reparto, e giro per le stanze facendo domande interessate (ma discrete;)) a tutti e non rendendomi ben conto che non sto facendo il solito tirocinio… non sono per nulla credibile come malato!!
Non avendo per ovvi motivi preso con me nulla da studiare, passo la giornata guardando 35 ore di un’interessantissima puntata di forum, dove una quantità inimmaginabile di minorati mentali hanno una quantità inimmaginabile di insormontabili problemi. Poi arriva il pranzo, che poi scoprirò essere uguale alla cena, a base di: minestrina, purè e mele cotte… disperation… help… chiamate la neurooo!In lacrime
 
Lentezza nei movimenti & nei collegamenti
Terza giornata inizia all’insegna delle umiliazioni: mi sveglio e trovo una signora accanto a Bertinotti (che ha circa 80 anni) che non è la spigliatissima figlia. “Buongiorno, lei è la moglie?” e lei, con 1 faccia gelida e visibilmente offesa: “No, sono la nuora…” “Hem… ecco, in effetti mi sembrava un po’ troppo giovane”… figura di mmmm!
Dopo la gaffe mi rifugio nella parva colazione, e noto che il mio altro vicino (marito della Kessler), afflitto da Parkinson (che notoriamente si caratterizza, fra le altre cose, per la lentezza nell’esecuzione dei movimenti) finisce la colazione prima di me: non è possibile, dai, va bene che sono un po’ lento nel mangiare (come mi fanno sempre notare tutti!:P), ma evidentemente stamattina Mr. Kessler ha barato su qlc!Sarcastico
Così al pranzo mi impegno: iniziamo il pranzo insieme, stesse porzioni, stessi pasti, mi lancio in una masticazione assidua e vigorosa, primosecondocontornofrutta tuttodunfiato… e lui ha già finito! MA DAAAAI!! Non posso credere ai miei occhi! Umiliazione!In lacrime
 menù
Annunci

2 Risposte to “Le avventure di un giovane vibratore in ospedale – Pt.I”

  1. galvazone said

    ehilà ben tornato tra noi… si sono d’accordo con te, a volte dietro troppa allegria si nasconde un po’ di preoccupazione…… ma in fondo siamo fatti tutti uguale, per cui ci si capisce!!  
    in culo al lupo x lunedi!
     
     

  2. Fab said

    🙂
    …e, come sempre, speriamo che lupo non abbia fatto uso di Gutalax!
    (anche perchè è 1 dei pochi farmaci che nn ho studiato ^__^)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: